La Leonzio ora ci crede

I lentinesi battono il Fondi per 2-0 e restano in piena corsa per i play off. Bollino decisivo: un gol e un rigore procurato

La rincorsa ai play off continua. La Sicula Leonzio alimenta le proprie ambizioni, dichiarate dallo stesso tecnico Aimo Diana, battendo meritatamente il Fondi per 2-0 e sistemandosi al decimo posto in classifica.

Gli ospiti si rendono pericolosi per primi con un tiro fuori bersaglio di Vasco da ottima posizione, ma i lentinesi replicano subito con una traversa colpita da Aquilanti direttamente da angolo.

Il più insidioso dei bianconeri è Bollino, che prima non sfrutta un’occasione a tu per tu col portiere Elezaj e poi si vede negare la gioia del gol dall’estremo difensore avversario su una botta di sinistro ben indirizzata.

Per l’attaccante della Sicula è solo questione di tempo: la rete arriva in apertura di ripresa, quando l’ispirato Esposito lancia sul filo del fuorigioco l’attaccante, freddo nello scavalcare Elezaj con un tocco morbido.

Il tecnico ospite Sanderra prova a dare vivacità all’attacco inserendo Ciotola e Corvia, ma la Sicula tiene bene e raddoppia nel finale con un rigore conquistato dal solito Bollino, atterrato da Ghinassi, e trasformato da D’Angelo.

SICULA LEONZIO-RACING FONDI 2-0
Sicula Leonzio (4-3-3): Narciso 6.5; De Rossi 6, Aquilanti 6.5, Camilleri 6.5, Squillace 6; Marano 6.5 (26′ st Davi’ 6), Esposito 7, Petermann 6 (1′ st D’Angelo 6.5); Bollino 7.5 (45′ st Foggia sv), Lescano 7 (45′ st Gianola sv), Gammone 6 (26′ st Russo 6). In panchina: Ciotti, Pollace, Giuliano, Monteleone, Cozza, Arcidiacono, De Felice. Allenatore: Diana 7.
Racing Fondi (4-3-2-1): Elezaj 6.5; Galasso 6, Ghinassi 5, Polverini 6 (1′ st Maldini 5), Paparusso 5.5; Corticchia 5 (10′ st Corvia 5), De Martino 5.5 (39′ st Quaini sv), Vasco 5 (39′ st Addessi sv); Mastropietro 5 (19′ st Ciotola 5), Lazzari 5; Nolè 5.5. In panchina: Cojocaru, Pompei, Stikas, Mangraviti, Sakaj, Pezone. Allenatore: Sanderra 5.
Arbitro: Marini di Trieste 6.5.
Reti: 7′ st Bollino, 43′ st (rig.) D’Angelo.
Note: spettatori 1200 circa. Ammoniti: Camilleri, De Rossi, Squillace, Vasco, Paparusso. Angoli: 9-1 per la Sicula. Recupero: 1′; 6′.

Correlati