Sicula, c’è mancato poco

La Leonzio sfiora il colpo a Cosenza nel 1° turno dei play off: avanti con una gran botta di Bollino, i lentinesi vengono raggiunti e superati nei minuti finali

Colpaccio solo sfiorato. La Sicula Leonzio va molto vicina alla vittoria esterna che l’avrebbe portata al secondo turno dei play off di Serie C. Il traguardo sfuma solo a 7′ dallo scadere a causa del gol del nigeriano Okereke, seguito poi dal rigore di Baclet: un uno-due che salva il Cosenza dall’eliminazione e nega la gioia della qualificazione alla matricola lentinese.

Diana schiera il consueto 4-3-3 senza Squillace, fermato da problemi fisici, e vede i suoi correre subito un rischio su un tiro al volo di Tutino. I bianconeri, che per superare il turno devono vincere, se la giocano senza troppe remore cercando la porta di Saracco con una botta dalla distanza di Petermann, la cui conclusione è però centrale. L’occasione migliore del primo tempo ce l’ha ancora Tutino, che su tocco aereo di Perez si libera di Gianola e calcia alto.

Le cose si mettono bene per la Leonzio in apertura di ripresa grazie a Bollino: gran botta su punizione dalla lunga distanza e palla all’incrocio. Doccia fredda per i padroni di casa, costretti a giocare il secondo tempo senza il tecnico Braglia in panchina a causa dell’espulsione rimediata nell’intervallo.

Il Cosenza accusa il colpo e la Sicula sfiora il raddoppio in contropiede con Foggia, autore di un tiro dal limite contenuto da Saracco nonostante la deviazione di Dermaku. Scampato il pericolo, i locali cominciano a spingere alla ricerca del pari: Narciso si oppone a una botta al volo di Bruccini e poi ringrazia la traversa sulla quale si adagia un colpo di testa di Mungo.

Il pari arriva a 7′ dallo scadere, quando Okereke, attaccante nigeriano buttato nella mischia al posto di un difensore, raccoglie un cross di Tutino da azione di calcio d’angolo e supera Narciso. Diana tenta il tutto per tutto con un doppio cambio inserendo Marano e Russo per Petermann e Giuliano, ma gli ospiti si sbilanciano e il Cosenza ne approfitta per chiudere i conti su rigore, decretato per fallo di Narciso su Baclet e trasformato dallo stesso Baclet.

COSENZA-SICULA LEONZIO 2-1
Cosenza (3-5-2): Saracco 6; Idda 5.5 (20′ st Okereke 7), Dermaku 6.5, Pascali 6; Corsi 6.5, Mungo 5 (26′ st Palmiero 6), Bruccini 6.5, Trovato 5 (21′ st Calamai 6.5), D’Orazio 6.5; Tutino 6.5, Perez 5 (31′ st Baclet 7). In panchina: Zommers, Ramos, Pasqualoni, Boniotti, Loviso, Camigliano. Allenatore: Braglia 6.5.
Sicula Leonzio (4-3-3): Narciso 5.5; Aquilanti 5.5, Camilleri 6, Gianola 5.5, Giuliano 5.5 (40′ st Russo sv); D’Angelo 6.5, Petermann 6 (40′ st Marano sv), Esposito 6; Bollino 7 (30′ st Lescano sv), Foggia 6 (31′ st Gammone sv), Arcidiacono 6.5 (22′ st Pollace 5.5). In panchina: Ciotti, Granata, De Filice, De Rossi, D’Amico, Cozza, Davi’. Allenatore: Diana 6.
Arbitro: Massimi di Termoli 6.5
Reti: 4′ st Bollino, 38′ st Okereke, 43′ st (rig.) Baclet.
Note: spettatori: 2.954 di cui 5 ospiti per un incasso di 25.263 euro. Allontanato Braglia al 46′ pt. Ammoniti: Petermann, Foggia, Idda, Pascali, Okereke, D’Angelo. Angoli: 4-2. Recupero: 1′, 4′.

Correlati