Avola-Garozzo, fioretto mondiale
Avola-Garozzo, fioretto mondiale

Avola-Garozzo, fioretto mondiale

Si chiudono con il trionfo dei fiorettisti azzurri i Mondiali di scherma a Wuxi, in Cina. Ed è un trionfo di marca siciliana grazie all’acese Daniele Garozzo e al modicano Giorgio Avola, giunti a portare la scherma isolana sul podio proprio nell’ultimo giorno della rassegna iridata.

Alessio Foconi – che bissa così il successo nella gara individuale – Andrea Cassarà e i siciliani Garozzo e Avola hanno battuto in finale gli Stati Uniti per 45-34 dopo aver superato in semifinale per 45-30 la Corea del Sud. E’ il quarto oro per l’Italia – dopo anche quelli di Mara Navarria nella spada e Alice Volpi nel fioretto – la settima medaglia in totale. Gli azzurri chiudono in testa il medagliere eguagliando a livello di vittorie il risultato dei Mondiali dello scorso anno di Lipsia anche se in quell’occasione le medaglie complessive furono nove.

La finale contro gli statunitensi non era iniziata coi migliori auspici: al di là dell’imbattibilità stagionale dei fiorettisti a stelle e strisce e della loro voglia di rivincita, era giunto anche l’infortunio alla caviglia destra di Giorgio Avola nell’ultimo riscaldamento prima dell’assalto. Dopo le prime stoccate il talento e la classe di Cassarà, Foconi e Garozzo ha fatto la differenza, gestendo il vantaggio sino ad allungare nel finale giungendo al definitivo 45-34 che da il via alla festa azzurra sul podio.

“E’ un successo voluto e costruito punto su punto – dicono i quattro campioni del mondo -. Loro nel corso della stagione avevano anche festeggiato il ruolino di marcia positivo anche andando un po’ sopra le righe. Gli avevamo dato appuntamento al Mondiale e, questa pedana, ha emesso il verdetto. E’ stato un assalto – sottolinea Garozzo – che abbiamo tirato come un tutt’uno. Siamo stati coesi e ci siamo dati la carica l’un l’altro”.

“E’ stato un assalto dall’intensità elevatissima – continua Foconi -. Con loro è sempre difficile ma ancora una volta abbiamo ribadito il nostro valore”. “Questa medaglia d’oro ha un valore speciale – ammette Cassarà – e premia i sacrifici non solo nostri ma di tutto il gruppo che ci sta attorno, dal ct Andrea Cipressa ai nostri maestri, preparatori atletici, fisioterapisti ed a tutta la Federazione. E’ davvero un successo di gruppo”.

Correlati