“La B deve cominciare”

“La B deve cominciare”

ROMA – “Io sono persona di dialogo, che ama il confronto, che deve essere basato sul rispetto reciproco e sul merito di argomenti e opinioni anche divergenti. Non siamo d’accordo con questa iniziativa, riteniamo che quanto accaduto, recependo un calendario dalla federazione, sia a favore del movimento calcistico e dei calciatori, e di tutti i dipendenti della società, che spesso vengono abbandonati per strada”. Il presidente della Lega B, Mauro Balata, è convinto che sarebbe un  errore da parte dei calciatori indire uno sciopero in vista della prima giornata di campionato cadetto per protestare sul format a 19 ed il blocco dei ripescaggi.

“Lasciare il campionato a 22 con i ripescaggi? Non dipendeva da noi: al 13 agosto, con inizio il 24 e avendo 19 società con diritti legittimi che ci chiedevano di programmare la stagione, bisognava cominciare e garantire gli investimenti fatti – spiega il numero uno dei cadetti a ‘Radio Anch’io Sport’, su Rai Radio1 – Abbiamo registrato vicende di natura giustiziale che non ci hanno fatto capire se ci fossero ulteriori soggetti legittimati a disputare campionato, oltre a specifiche delibere. Mi risulta che tutte le mie società sono pronte, unite e forti sulla nostra posizione, che ha avuto il conforto della Figc: c’era un problema che abbiamo dovuto inseguire e analizzare sino al 13 agosto, dopo due rinvii della presentazione del nostro calendario, e non avevamo chiaro se ci fossero decisioni degli organi di giustizia. Rispetto le opinioni dell’Associazione Calciatori, mi sono sentito più volte con Tommasi e Calcagno, ho chiesto loro di perseguire istanze di rinnovamento e riforma, non solo di natura economico-finanziaria”.

Il suo collega della Lega Pro, Gravina, ha attaccato il blocco dei ripescaggi, dicendosi favorevole ad una B a 22: “Di solito sono abituato a guardare i problemi di casa mia. Le società mi hanno chiesto di perseguire una certa linea, dando un segnale concreto, che va a favore di tutto il mondo calcistico. Ci sono problemi che non possono più attendere ma vanno risolti: la sostenibilità, il miglioramento tecnico dei campionati. In questo momento si parla più di politica sportiva e non si affrontano i problemi pratici, quelli veri. L’appello che faccio a tutti è di sedersi ad un tavolo per una nuova stagione di riforme, senza pregiudizi, cercando di raccogliere le proposte migliori”.

Il 7 settembre sono attese le sentenze del Coni: “Non so se riusciremo a partire a Natale… C’è un problema di professionalizzazione di uomini che operano nella giustizia sportiva, dobbiamo intervenire. I giudizi sui campionati devono essere rapidissimi, come avviene negli altri paesi. Ci sono 19 società che devo tutelare, credo che il campionato debba ripartire. Far partire il campionato è un dovere per il presidente di Lega e anche per il commissario Fabbricini. Una B a 24? Mi auguro di no, tecnicamente non vedo come sia possibile. Se il 24 partirà? Non sono né ottimista né pessimista, riteniamo giusto che il campionato parta – conclude Balata – E’ un’esigenza legittima di milioni di sportivi che seguono le 19 societè che ne hanno diritto”.

Correlati