Catania, doppia pista

Catania, doppia pista

Il mercato del Catania sta per entrare nel vivo. Per la chiusura dei primi affari ci sarà da attendere ancora un po’, ma intanto la dirigenza etnea si è mossa sulle tracce dei profili ritenuti all’altezza di una squadra che punta al salto di categoria e funzionali al progetto tecnico, imperniato sul 4-3-3 utilizzato con buoni risultati nel trittico natalizio che ha concluso il 2018.

Al di là delle consuete voci che in periodi come questi si rincorrono, i passi concreti riguardano due giocatori: l’attaccante Matteo Di Piazza e il centrocampista Antonio Palumbo.

La società rossazzurra si è fatta avanti con il Cosenza per la punta di Partinico. Di Piazza, 31 anni, ha avuto poco spazio in B con i calabresi (6 presenze, solo 2 da titolare, zero gol) ed è destinato ad andare via. Dopo aver vinto da protagonista il campionato di Lega Pro con il Lecce lo scorso anno (10 reti in 30 partite), Di Piazza è pronto a tornare in C, dove ha trovato due pretendenti assai decise: il Catanzaro e il Catania.

La concorrenza è forte, i giochi aperti: se l’ad Lo Monaco e il ds Argurio hanno fatto capire quanto il Catania sia seriamente interessato all’attaccante, ritenuto pienamente utilizzabile anche da esterno come già accadutogli in passato, altrettanto ha fatto, anche nelle ultime ore, il Catanzaro, che ritiene il giocatore strategico per le proprie ambizioni e per il gioco di Auteri, estimatore della punta siciliana. La scelta, a questo punto, spetta al giocatore, che giungerebbe in rossazzurro a titolo definitivo, e al suo entourage.

Più lungo il percorso – e quindi i tempi – per arrivare ad Antonio Palumbo. Il promettente centrocampista napoletano, 22 anni, reduce da un’ottima stagione a Trapani, nel torneo in corso è stato impiegato col contagocce a Salerno (5 presenze, solo una dal primo minuto) e a gennaio cambierà aria.

Il cartellino è di proprietà della Sampdoria che preferirebbe girarlo a un’altra squadra di B. Il futuro del giocatore è quindi legato a eventuali offerte provenienti dalla cadetteria. Catania resta comunque un’opzione valida per un prestito sino a fine stagione, i giochi sono aperti.

Correlati