Da 1-3 a 6-3: Catanzaro 3°

Da 1-3 a 6-3: Catanzaro 3°

Alla faccia della partita scontata. Il Catanzaro chiude il campionato soffiando il terzo posto al Catania, ma ci arriva con una prestazione folle e inverosimile, battendo 6-3 un demotivato Trapani che dopo dieci minuti era sopra 3-1.

L’inizio è vertiginoso: Passano 4′ e arriva il vantaggio ospite: Riggio si fa scavalcare maldestramente dal pallone, Golfo si invola e batte l’ex granata Furlan. Tre minuti dopo il Catanzaro pareggia con Fischnaller, quasi che quella rete del Trapani fosse un incidente di percorso da rimettere subito a posto.

Invece la squadra di Italiano è scatenata: prima si riporta avanti con Evacuo, poi allunga sul 3-1 con la zampata di Toscano in mischia. Nemmeno i catanesi più sfrenatamente ottimisti potevano immaginare un risultato del genere. E ci vorrebbe un fenomenale storico del calcio per ricordare una partenza altrettanto scoppiettante in una gara di Serie C.

Il ritmo non cala e i calabresi sono pericolosi con Giannone, preludio di un’altra impensabile scarica di gol. Stavolta sono tutti del Catanzaro, che incredibilmente in 5 minuti capovolge la situazione: segnano Iuliano (botta deviata), Maita (fucilata da 35 metri) e Bianchimano (sinistro millimetrico). Non siamo nemmeno all’intervallo e il tabellino dice 4-3.

Col Catania che fatica contro il Rieti il terzo posto della squadra di Auteri è molto vicino. Ancora di più quando al 13′ della ripresa Celiento centra in tuffo la porta sull’assist di Iuliano: e sono cinque. Non è finita: D’Ursi da due passi firma il sesto, infilzando un Trapani che dopo aver illuso i tifosi rossazzurri ormai si è arreso.

CATANZARO-TRAPANI 6-3
Catanzaro (4-3-3) Furlan 6; Celiento 5, Riggio 5, Figliomeni 5.5 (38’st Nikolopoulos sv), Nicoletti 5 (17′ st Favalli 6); Iuliano 7.5 (38′ st Cristiano sv), De Risio 6.5, Maita 7, Giannone 6 (23′ st D’Ursi 7), Bianchimano 7 (23′ st Pambianchi 6), Fischnaller 7. In panchina: Elezaj, Ciccone, Signorini, Lame, Mittica, Posocco. Allenatore: Auteri 7.
Trapani (4-3-3) Ferrara 5; Scrugli 5 (1’st Garufo 6), Mulé 5, Franco 5, Ramos 6; Girasole 6, Tolomello 5 (11′ st D’Angelo 5.5), Toscano 7; Fedato 6, Evacuo 6.5 (1′ st Dambros 5.5), Golfo 7. In panchina: Dini, Cavalli, Da Silva, Scognamillo, Ferretti, Costa Ferreira, Corapi, Lomolino. Allenatore: Italiano 5.
Arbitro: Paterna di Teramo 6.
Reti: 4′ pt e 10′ pt Golfo, 7′ pt Fischnaller, 8′ pt Evacuo, 36′ pt Iuliano, 39′ pt Maita, 41′ pt Bianchimano, 13′ st Celiento, 30′ st D’Ursi.
Note: spettatori paganti 3.417, abbonati 1.481, incasso di 23.845 euro. Ammoniti Ramos, Scrugli, De Risio, Favalli. Angoli 5′ 2′.

Correlati