Catania formato Liotro
Catania formato Liotro

Catania formato Liotro

La presentazione con sindaco e assessore allo Sport, gli applausi dei tifosi e la rituale foto sotto il Liotro. Anche quest’anno il Catania si è concesso una passerella d’inizio stagione al Comune di Catania.

Accolta dal sindaco Salvo Pogliese e dall’assessore allo Sport Sergio Parisi, che hanno ricevuto dal club una maglia personalizzata col numero dieci, la comitiva rossazzurra si è presentata al gran completo con l’unica eccezione di Andrea Di Grazia, protagonista di un braccio di ferro per il rinnovo del contratto in scadenza.

L’ad Lo Monaco e il tecnico Sottil hanno parlato con la stampa affrontando i temi di maggiore attualità, a cominciare dal possibile ripescaggio in B. “Sarebbe il giusto coronamento – ha detto Lo Monaco – di un percorso già avviato da qualche tempo. Non voglio inseguire voci. C’è un giudizio pro Novara solidissimo, mi auguro solo che non si cambino le carte in tavola. La squadra è attrezzata anche per la B, bastano pochi interventi”.

Sulla stessa lunghezza l’allenatore Sottil: “La piazza meriterebbe un posto in B. Speriamo bene. La partita di Coppa Italia contro il Como? Siamo molto motivati. Non possiamo essere al 100% a questo punto della stagione ma ci teniamo a partire col piede giusto”.

Il sindaco Pogliese, già abbonatosi per il prossimo campionato, ha dato il benvenuto così alla squadra: “Lo slogan scelto quest’anno – il Catania è Catania – è quanto di più azzeccato ci potesse essere per descrivere il rapporto fortissimo che lega il club calcistico con la tifoseria e la città. I successi della squadra rossazzurra rappresentano uno stimolo per crescere tutti insieme nel segno dell’unità della comunità catanese. Coltiviamo fondate speranze che a breve arrivino le buone notizie che tutti aspettiamo. Intanto salutiamo e incoraggiamo questi calciatori e ringraziamo la dirigenza per avere promosso una campagna acquisti di primissimo livello per competere ai traguardi che sono consoni alla tradizione e alla tifoseria: la nostra collaborazione è massima perché ci sentiamo parte di un unico disegno di crescita della nostra città, per superare insieme ostacoli e difficoltà che naturalmente non mancano”.

Correlati