Palermo, l’ora del crowdfunding

Palermo, l’ora del crowdfunding

PALERMO – Una campagna di crowdfunding per consentire a chiunque di contribuire alla salvezza del Palermo in vista del rischio di penalizzazione in cui la società incorrerà se non saranno versati gli stipendi entro la prossima scadenza di metà marzo. Ad annunciarla è una nota della Damir, la società che si occupa di pubblicità che ha già messo al riparo il Palermo dalla penalizzazione saldando gli emolumenti di novembre e dicembre entro la scadenza del 18 febbraio.

“In attesa – si legge sulla nota – che vengano rese comunicate le modalità di partecipazione all’iniziativa, rivolta a semplici tifosi e imprenditori, certo è che verrà costituito nei prossimi giorni un ‘Comitato di garanzia’ per garantire l’obiettivo unico della campagna: raccogliere più denaro possibile da versare esclusivamente per il pagamento degli stipendi e per evitare la penalizzazione”.

“Il comitato – continua la nota – sarà composto da tifosi illustri che aderiranno spontaneamente all’iniziativa. Tra questi potrebbe esserci Salvo Ficarra, del duo Ficarra e Picone, che è in contatto con Dario Mirri e ha risposto di sì, anche se con riserva: “Solo se il Palermo renderà disponibile tutta la documentazione necessaria ad agevolare l’ingresso della nuova proprietà”.

Già confermato anche l’impegno di padre Cosimo Scordato, noto a tutti per il suo impegno in tante iniziative di solidarietà in città, ma anche grande tifoso del Palermo”.

Non ci sarebbe invece il coinvolgimento di Pif. “Non c’è al momento nessuna conferma della partecipazione di Pif – conclude la famiglia Mirri – che è stato contattato solo nelle ultime ore per un eventuale coinvolgimento, ma non ha ancora espresso alcuna valutazione in merito. Presto saranno resi noti tutti i dettagli del crowfunding”.

Correlati