Il Palermo al Collegio di Garanzia

Il Palermo al Collegio di Garanzia

Il Collegio di Garanzia del Coni ha ricevuto tre ricorsi destinati alla sezione competente in tema di ammissione/iscrizione ai campionati nazionali professionistici. Si tratta di Palermo, escluso dalla serie B 2019-20, Cerignola e Bisceglie: la prima è stata esclusa dai ripescaggi in Lega Pro per la prossima stagione, nel caso del Bisceglie è stata respinta la domanda di riammissione al campionato di Serie C 2019/2020.

Intanto, a Palermo, in occasione della presentazione dei trentesimi Palermo Ladies Open, il sindaco Orlando è tornato a parlare della pubblicazione dell’avviso per rilevare il Palermo Calcio: “Conto molto sulla serietà della proposte, sceglierò quella che riterrò la più seria e la più conveniente per una città che ha vissuto la mortificazione della cancellazione da un campionato professionistico”.

“Ho pubblicato un avviso, che non è un bando, perché deciderò io assumendomi le responsabilità delle mie scelte, insieme a un esperto che ho voluto accanto a me, ovvero il presidente Guarnotta, un magistrato ma al tempo stesso anche un grande tifoso rosanero. Sceglierò in base a rigorosissimi criteri di partecipazione, che riguardano l’aspetto etico, come l’assenza di condanne e l’assenza di precedenti. Poi ho dato anche varie indicazioni, che non sono vincolanti per partecipare, ma sono elementi di valutazione che mi è sembrato opportuno inserire, come l’assenza di maggioranza da parte di soggetti che di fatto controllano società calcistiche professionistiche”.

“Mi è sembrato opportuno indicare come valutazione positiva anche l’azionariato popolare e chiedere un piano triennale e non soltanto una proposta per un anno – ha aggiunto Orlando -. Adesso attendo che si chiuda questa vicenda per dare incarico all’ufficio legale del comune di agire per danni prodotti all’immagine della città e della tifoseria a chi ha portato questo disastro. Attualmente non ho ricevuto domande, ma le attendo. Le domande arriveranno alla posta certificata e quando arriveranno, alla scadenza, provvederò a fare un esame. Spero di scegliere per l’interesse complessivo di una città che ha diritto ad avere una società e un calcio che non siano pretesto per altre cose”.

“Ferrero? Non commento le dichiarazioni di nessuno. Non ho incontrato nessuno nonostante in tanti abbiano chiesto di incontrarmi. Valuterò le proposte e deciderò nell’interesse della città. La scelta della società che dovrà fare rinascere il calcio a Palermo non può essere fatta da quattro amici al bar, ma deve essere fatta responsabilmente dal sindaco della città”.

Correlati