Settebellissimo

Settebellissimo

L’Italia di pallanuoto maschile trionfa a Gwangju. Il Settebello allenato dal ct siciliano Alessandro Campagna, palermitano di nascita e siracusano d’adozione, vince la medaglia d’oro al Mondiale battendo la Spagna 10 a 5 in finale. Per la nazionale italiana è il quarto titolo iridato, otto anni dopo l’ultimo, conquistato a Shanghai.

Dai parziali (2-2, 5-3, 8-4) emerge la superiorità del gruppo azzurro, autore di una prestazione impeccabile e mai sotto nel punteggio.

Gli iberici sono rimasti agganciati alla formazione italiana solo nel primo tempo, quando hanno replicato alle reti di Luongo ed Echenique con una doppietta di Perrone.

Dopo un rigore parato dall’ottimo De Lungo a Barroso, ecco l’affondo di uno stratosferico Settebello, scappato sul 5-2 con tre reti in quattro minuti (Figlioli, Dolce e Renzuto) e dimostratosi irraggiungibile dagli spagnoli per il resto della sfida.

“Partita perfetta – ha detto Campagna a fine gara –  in una giornata perfetta. Oggi dovevamo fare venire fuori la nostra personalità e il nostro ritmo e i ragazzi sono stati esemplari”.

“Quando vedi i giocatori che fanno tutto quello che prepari, vuol dire che sei un allenatore fortunato”, ha proseguito, dicendosi poi “orgoglioso” di aver partecipato, da giocatore o tecnico, a tre dei quattro titoli iridati vinti dal Settebello.

“Non stavamo bene all’inizio del torneo – ha affermato ancora – ma abbiano saputo soffrire e nella sofferenza siamo venuti fuori. Anche oggi c’è stato un arbitraggio discutibile, con 16 espulsioni a sei a nostro sfavore. Questo mondiale è stato un buon allenamento in vista delle Olimpiadi del prossimo anno, dove la pressione e la sofferenza saranno tripli”. “E’ un Italia – ha concluso Campagna – che rende orgogliosi tutti gli italiani”.

SPAGNA-ITALIA 5-10
Spagna: Lopez Pinedo, Munarriz Egana 1, Granados Ortega, De Toro Dominguez, Cabanas Pegado, Larumbe Gonfaus, Barroso Macarro, Fernandez Miranda, Tahull I Compte, Rocha Perrone 2, Mallarach Guell 2, Bustos Sanchez, Lorrio Bejar. All. David Martin Lozano
Italia: Del Lungo, Di Fulvio 1, Luongo 2, Figlioli 1, Di Somma, Velotto, Renzuto Iodice 1, Echenique 1, Figari, Bodegas 1, Aicardi 1, Dolce 2, Nicosia. All. Alessandro Campagna
Arbitri: Margeta (Slo), Goldenberg (Usa)
Parziali: 2-2, 1-3, 1-3, 1-2.
Note: nel primo tempo, al minuto 7’37, Del Lungo para un rigore a Barroso Macarro. Nel quarto tempo, a 1’45”, espulso Di Somma. Uscito per limite di falli Figari a 3’36” del quarto tempo.

Correlati