Sicula e Lescano inarrestabili

Sicula e Lescano inarrestabili

La Sicula Leonzio non sbaglia più un colpo. Facundo Lescano pure. I bianconeri prolungano la loro serie positiva portandola a sette turni (ben 5 vittorie e 2 pareggi) e salendo a -3 dal quintultimo posto occupato dal Picerno, sconfitto nel primo pomeriggio dalla Reggina.

Il match winner è ancora una volta Lescano. L’attaccante argentino risolve la sfida con il Rende di Rigoli, ex di turno, siglando la sesta rete nelle ultime cinque giornate e toccando quota 11 gol in campionato. Stavolta a decidere è un rigore decretato poco prima dell’ora di gioco per un intervento di Vitofrancesco su Bariti.

Episodio chiave in un match bloccato a lungo. La Leonzio prova a partire forte cercando subito la porta avversaria con Bucolo, ma per l’intero primo tempo succede davvero poco. Gli ospiti si difendono con ordine, cercando la porta avversaria al quarto d’ora con un altro ex Catania, Fornito, il cui mancino finisce a lato non di molto.

Nella ripresa Adamonis da una parte e Borsellini dall’altra dicono no a Vivacqua e Bariti, poi, dopo il gol, la Sicula gestisce il vantaggio concedendo solo un colpo di testa a Libertazzi parato da Adamonis e incamera altri tre punti pesanti.

SICULA LEONZIO-RENDE 1-0
Sicula Leonzio (3-4-1-2): Adamonis 6.5; Sosa 6.5, Bachini 6.5, Ferrara 6.5; Parisi 5.5 (26′ st Sabatino 6), Palermo 6.5 (41′ st Maimone sv), Bucolo 6.5, Provenzano 6.5, Bariti 7 (32′ st Tafa 6); Catania 6, Lescano 7 (41′ st Scardina sv). In panchina: Fasan, De Rossi, Ferrini, Grillo, Sicurella, Reale, Vitale, Governali. Allenatore: Grieco 7.
Rende (4-3-2-1): Borsellini 6; Vitofrancesco 5.5 (37′ st Loviso sv), Nossa 6, Bruno 6, Blaze 6; Rossini 6, Ndiaye 5.5 (1′ st Navas 6), Murati 5; Fornito 5.5 (15′ st Libertazzi 6), Giannotti 6; Vivacqua 6 (37′ st Saveljevs sv). In panchina: Savelloni, Negri, Ampollini, Cipolla, Origlio, Godano, Germinio, Palermo. Allenatore: Rigoli 6.
Arbitro: Matteo Gualtieri di Asti 6.5.
Rete: 13′ st Lescano (rig)
Note: al 49′ st espulso Murati. Ammoniti: Ndiaye, Fornito, Parisi, Vitofrancesco, Giannotti. Angoli: 4-2. Recupero: 0′; 4′.

Correlati