Serie C, lo stop di Ghirelli

Serie C, lo stop di Ghirelli

ROMA – “Oggi una richiesta delle società di chiusura e di annullamento del campionato è controproducente”: lo afferma il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli che in una nota spiega anche i motivi, sottolineando che “‘unico organo deputato a decidere per la sospensione o annullamento del campionato è il Consiglio Federale” e che “una simile decisione comporterebbe danni irreversibili, soprattutto sotto il profilo economico e legale (oltreché sociale)”.

“La salute è una priorità – le parole di Ghirelli – Per Lega Pro la salute dei calciatori, dei tifosi, dei cittadini e di tutto il sistema è stata sempre, e lo è tuttora, il faro guida che deve muovere ogni tipo di decisione. Aprire un confronto sul presente e il futuro del campionato di serie C è certamente positivo, così come la condivisione di idee, proposte e visioni”.

Ricordando che Lega Pro “ha una logica nel sistema” e che “l’unico organo deputato a decidere per la sospensione o annullamento del campionato è il Consiglio Federale” il n. 1 della serie C evidenzia che “una simile decisione comporterebbe danni irreversibili, soprattutto sotto il profilo economico e legale. Pensiamo, ad esempio, ai pagamenti degli emolumenti dei calciatori. Se la decisione di sospendere e annullare il campionato venisse assunta dalle società (datori di lavoro) non ci sarebbero le basi giuridiche per legittimare la riduzione o l’interruzione dei pagamenti, perché la prestazione sportiva sarebbe interrotta a causa di una decisione delle società e non per causa di forza maggiore. Vi è quindi la necessità di un provvedimento sospensivo o interruttivo dell’Autorità Pubblica per un interesse generale di tutela sanitaria e della salute che legittimi ad invocare la sospensione o interruzione del pagamento degli emolumenti per impossibilità sopravvenuta della prestazione sportiva per causa di forza maggiore”.

“Faccio fatica a seguire il ragionamento di chi chiede una decisione autonoma del mondo sportivo – prosegue – ci troveremmo a dover rispondere in sede legale ad ogni iniziativa isolata e slegata rispetto alle decisioni del Governo e, di conseguenza, della catena di comando, del Coni e della Federazione. Viceversa, oggi, la nostra energia deve essere rivolta a conquistare misure per tamponare i danni ed atti autonomi come il taglio dei costi che ci danno consapevolezza e credibilità esterna e, contemporaneamente, attendere le indicazioni del Governo e degli scienziati e ragionare a sistema. L’assillo che ho ogni minuto del giorno e di avere risorse, provvedimenti, endogeni ed esogeni , per riportare la nave Lega Pro in linea di galleggiamento. Stiamo lavorando molto per questo”.

“In assemblea – conclude Ghirelli – presenterò in modo concreto e dettagliato tutte le azioni in essere. Solo una volta che ciò sara’ ottenuto, potremo parlare di tutto il resto, anche di una riforma della serie C. A patto che la salute e il buon senso vengano messi al di sopra di ogni altra cosa o di ogni altro interesse individuale”.

Correlati