Serie C: play off, ma facoltativi

Serie C: play off, ma facoltativi

Il Consiglio della Federcalcio ha confermato la chiusura della stagione regolare della Serie C e ha ratificato di conseguenza la promozione in Serie B di Monza, Vicenza e Reggina, che al momento della sospensione per la pandemia si trovavano al comando delle classifiche dei tre gironi. Retrocedono direttamente in Serie D Gozzano, Rimini e Rieti.

Il quarto posto disponibile per la B e le altre retrocessioni verranno determinate tramite play off e play out. Ai club ammessi agli spareggi è stata però accordata la facoltà di rinunciarvi senza incorrere in sanzioni, se non la perdita della gara non disputata.

Spetterà dunque al Catania, qualificatosi in virtù del sesto posto in classifica prima dell’interruzione, decidere se partecipare o meno ai play off. Qualora andassero in campo, i rossazzurri sfiderebbero il Francavilla (se la Ternana non vince la Coppa Italia di categoria nella finale contro la Juventus Under 23) o la Vibonese (se la Ternana vince la Coppa Italia).

Notizie non buone per la Sicula Leonzio che era salva grazie al +9 sul Bisceglie terzultimo e che ora ora si ritrova a dover giocarsi la permanenza in terza serie proprio contro la formazione pugliese. Tutto questo in virtù della decisione, per di più inappellabile, che ha fatto decadere la norma per la quale con un vantaggio superiore agli otto punti tra quartultima e terzultima il play out non avrebbe avuto luogo.

Ecco, nel dettaglio, la normativa per la Lega Pro.

STAGIONE REGOLARE. “Il campionato di Lega Pro non viene riavviato secondo il calendario ordinario. Il Consiglio Federale ha deliberato, con voto favorevole di tutti i consiglieri e l’astensione dei rappresentanti degli atleti e del presidente della Lega B Balata, che l’esito del campionato verrà individuato utilizzando la classifica finale dei tre gironi di Lega Pro definita in base alla classifica di ciascun girone come cristallizzatasi alla data di sospensione del campionato con l’utilizzo dei criteri correttivi di cui all’allegato 1, e, ove possibile, attraverso lo svolgimento di play off e play out come di seguito disciplinati”.

PROMOZIONI. “Le squadre classificate al primo posto di ciascun girone sono promosse direttamente in Serie B; inoltre, è promossa in Serie B come quarta squadra la vincitrice dei play off. I play off verranno disputati a decorrere dal 5 luglio 2020 (la Lega Pro ha però comunicato come data d’inizio l’1 luglio, ndr) dalle 27 squadre che alla data della sospensione del campionato di cui al C.U. n. 179/A del 10 marzo 2020, si sono classificate dal secondo al decimo posto dei tre gironi in base alla classifica di cui all’allegato 2 e dalla vincitrice della Coppa Italia, la cui finale si svolgerà in data 28 giugno 2020. Nel caso in cui la squadra vincitrice della Coppa Italia si sia classificata tra le prime dieci del girone, ai play-off avrà accesso la squadra classificatasi all’undicesimo posto del girone in cui milita la squadra vincitrice della Coppa Italia.

I play off si svolgeranno secondo il Regolamento di cui all’allegato 3, che fa parte integrante della presente delibera;
– nel caso in cui, non fosse possibile riavviare il campionato con la disputa dei play off, è promossa in Serie B come quarta squadra la migliore classificata dei tre gironi secondo la classifica di cui all’allegato 2;
– nel caso in cui i play off dovessero avere inizio ma essere sospesi e, pertanto, non fosse possibile concludere gli stessi entro il 20 agosto 2020, è promossa in Serie B come quarta squadra la migliore classificata dei tre gironi secondo la classifica di cui all’allegato 2 tra le squadre ancora in lizza nei play-off”.

RETROCESSIONI. “Le retrocessioni al campionato di Serie D sono determinate nel seguente modo:
– le squadre classificate all’ultimo posto di ciascun girone sono retrocesse direttamente al campionato di Serie D;
– le ulteriori sei retrocessioni al campionato di Serie D sono determinate a seguito della disputa dei play out tra le squadre classificate al penultimo, al terzultimo, al quartultimo e al quintultimo posto di ogni girone;
– nel caso in cui, a causa di provvedimenti relativi alla emergenza epidemiologica da Covid 19, non fosse possibile concludere il campionato con la disputa dei play out, sono retrocesse in Serie D le squadre classificate all’ultimo, penultimo e terzultimo posto di ogni girone;
– nel caso in cui lo svolgimento dei play out dovesse essere sospeso e, pertanto, non fosse possibile concludere gli stessi entro il 20 agosto 2020, sono retrocesse in Serie D le squadre classificate all’ultimo, penultimo e terzultimo posto di ogni girone secondo la classifica di cui all’allegato 2, fatti salvi gli eventuali esiti definitivi determinati dai play out già disputati”.

RINUNCIA. “Alle società della Lega Pro che, pur avendone titolo, decideranno di non prendere parte ai play off o ai play out dandone comunicazione nei termini previsti dal Regolamento di cui all’allegato 3, verrà inflitta esclusivamente la sanzione della perdita della gara non disputata”.

VERDETTI. “In base a quanto determinato, sono promosse in Serie B Monza, Vicenza e Reggina, mentre retrocedono direttamente in Serie D Gozzano, Rimini e Rieti”.

Correlati